Il sistema delle Società Scientifiche al servizio del Paese

21/04/2020

Con il trascorrere dei giorni diventano sempre più numerosi e manifesti i disagi e le emergenze correlate alla pandemia di Covid-19. Tra le molte che devono essere affrontate in particolare, una non può essere sottovalutata: è quella delle troppe donne che, costrette nelle misure d’isolamento per il contenimento del virus, stanno patendo e soffrendo maggiormente le conseguenze del Coronavirus, sia per la difficoltà di accesso alle prestazioni sanitarie, a causa della riduzione delle visite e delle prestazioni ambulatoriali, sia per complessità di gestione delle problematiche famigliari legate alla chiusura delle scuole e alla impossibilità di avvalersi di aiuti esterni al nucleo famigliare.

“Per affrontare concretamente questa situazione, ha spiegato Franco Vimercati, Presidente della Federazione delle Società Medico scientifiche italiane (Fism), d’intesa con il Ministero della Salute, abbiamo mobilitato l’Associazione Italiane Donne Medico (Aidm) per attivare un contact center on line, dove le donne possono proporre quesiti e richiedere informazioni alle quali risponderanno le specialiste della Associazione”.

 
Ecco quindi che, in occasione della quinta Giornata Nazionale della Salute della donna - che si terrà il prossimo 22 aprile con l’obiettivo di promuovere l’informazione e i servizi per la prevenzione e la cura delle principali patologie femminili - verrà lanciato anche il numero verde 800.189.441 dedicato Aidm. Un numero dedicato riservato alle tante donne che potranno rivolgere alle donne medico quesiti specifici in materia di salute della donna e Covid-19.

“L’iniziativa – ha detto Antonella Vezzani, presidente Aidm – nasce dall’esigenza di rispondere a dubbi, incertezze e richieste d’informazione, che possano sorgere fra chi deve conciliare le restrizioni per l’emergenza Covid-19 con la gestione di una problematica medica”
 
Parallelamente, ha aggiunto Vimercati, anche in considerazione delle raccomandazioni pervenute dal Comitato Tecnico Scientifico, la Fism ha coinvolto la Società Oftalmologica Italiana (Soi), punto di riferimento dei 7mila medici specialisti oculisti del nostro Paese per lanciare la Campagna nazionale “Apri gli Occhi contro il Coronavirus”.
 
Anche in questo caso, grazie all’istituzione di un numero verde gratuito, la Soi fornirà dati e notizie aggiornate in materia oculistica, in ambito Covid, a tutta la popolazione che intenderà utilizzare questo strumento. Chiamando lo 800.588.653, gli utenti potranno avere le corrette informazioni in risposta a dubbi e incertezze che possono sorgere fra chi, oltre a fare i conti con le nuove regole imposte dalla crisi coronavirus, deve anche conciliare le restrizioni con la gestione di una problematica oculistica.
 
“In questo momento di grave criticità – spiega Matteo Piovella presidente Soi – è indispensabile tutelare il miglioramento di accesso e della qualità nelle prestazioni oculistiche erogate ai pazienti. Sappiamo come, in questi giorni di grave emergenza sanitaria, molte persone con problemi oculistici, possono avvertire la necessità di assistenza specialistica oculistica, indipendentemente dalla condizione di isolamento forzato. I medici oculisti italiani salvano la vista a un milione e trecentomila persone ogni anno effettuando oltre 15 milioni di visite medico specialistiche oculistiche e oltre un milione di interventi chirurgici agli occhi nel solo 2019”.

L'intervista al Presidente FISM Franco Vimercati ai Fatti Vostri sulle
Campagne delle Società Scientifiche
a supporto dei Cittadini


SCARICA IL COMUNICATO STAMPA AIDM

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA SOI